Pillole UNxCENTO

Il rapporto con il denaroCome ci relazioniamo con i soldi rivela chi siamo

Rapporto con il denaro, Gestione del denaro, Valore del denaro, Priorità personali
Pillola N. 53|
Foto di Andrea Mangano
Autore
A. Mangano

Il denaro è un concetto tanto ingegnoso quanto diabolico. Pur avendo una connotazione universale, può assumere sfumature diverse per ciascuno di noi e può, in modo sorprendente, perdere del tutto di significato.

Su un'isola deserta, banconote e monete sarebbero poco più che pezzi di carta e metallo senza valore. Ma qui, nel mondo civilizzato, il denaro assume un ruolo più o meno importante nelle nostre vite.

Come gestiamo il nostro denaro non rappresenta soltanto una questione di numeri e conti da far quadrare, ma anche un'espressione delle nostre priorità e valori. È una relazione intima e personale che svela, in buona parte, chi siamo realmente, cosa vogliamo dalla vita e cosa siamo disposti a sacrificare.

Guarda oltre i numeri sulle banconote e potrai intravedere i tuoi desideri, i timori che ti tengono sveglio la notte e le convinzioni che ti guidano. In fin dei conti, come ci rapportiamo con il denaro può raccontare molto di noi stessi.

Alcuni lo investono in viaggi ed esperienze, preferendo uno zaino in spalla piuttosto che un televisore da ottanta pollici in salotto. Sono gli avventurosi, quelli che trovano ricchezza nell'emozione di un'esperienza, non nel possesso materiale.

Altri fanno scelte più prudenti. Preferiscono mettere da parte denaro per garantire una sicurezza finanziaria per il futuro, costruendo un fondamento solido per sé stessi e per le persone care.

C'è anche chi vede il denaro con indifferenza, forse perché ne ha già abbastanza o perché sceglie una vita molto semplice lontana dai comfort comuni. Per loro, il valore del denaro è molto relativo.

E poi ci sono coloro che trovano gioia nel dare piuttosto che nel ricevere, trovando soddisfazione nel contribuire al benessere degli altri.

Oltre queste categorie, una spicca per la sua triste ironia: ne fanno parte coloro che inseguono disperatamente il denaro senza avere una chiara idea di cosa farne. Sacrificano la propria esistenza in una ricerca senza fine, convinti che la ricchezza sia la chiave per una vita migliore.

Perché siamo ossessionati dal denaro?

Forse lo desideriamo per inseguire i nostri sogni, per vivere più tranquilli, o magari per concederci qualche sfizio o comfort extra. Ma, alla fine, dobbiamo tenere sempre presente una cosa: il denaro è solo un mezzo per raggiungere qualcosa di più importante.

È essenziale comprendere appieno ciò di cui abbiamo bisogno e valutarne il costo, considerando non solo il denaro necessario, ma anche il tempo e lo sforzo impiegati per ottenerlo.

Vale davvero la pena dedicare così tanto impegno a qualcosa che in cambio ci offre poco o addirittura meno di quanto investiamo?

Dovremmo anche chiederci: ci serve veramente più cash? Cosa vorremmo fare che al momento non possiamo permetterci? Qual è il nostro obiettivo di benessere?

Piuttosto che inseguire freneticamente più soldi, a discapito di tempo e felicità, possiamo concentrarci su un uso oculato e consapevole delle nostre risorse, evitando quelle spese che non contribuiscono in modo significativo alla nostra felicità e al nostro benessere.

Il tempo della nostra vita vale più di qualsiasi cifra sul conto in banca.

Immagina che qualcuno ti offra dieci milioni di euro. Li accetteresti?

Probabilmente sì.

Ma se ottenere quella somma implicasse trascorrere gran parte della tua vita in prigione, accetteresti comunque?

Credo di no, perché il valore della tua vita va ben oltre qualsiasi cifra. Questo dimostra che possiedi già una ricchezza più grande di quanto potresti accumulare in una vita di sacrifici.

Cosa ci rende davvero ricchi? Non è solo il denaro nel nostro conto in banca, ma piuttosto le relazioni significative che coltiviamo, le esperienze che ci arricchiscono l'anima e il senso di appagamento che proviamo quando viviamo in linea con i nostri valori più profondi.

Un buon rapporto con il denaro sta nel bilanciare il bisogno di risorse finanziarie con la ricerca di una vita significativa.

Il denaro può essere un efficace strumento per perseguire i nostri obiettivi materiali, ma può anche diventare un tiranno, a seconda di come ci relazioniamo con esso.

Riconoscere il valore del denaro, senza diventarne schiavi, ci permette di investire il nostro tempo in ciò che realmente conta, di godere dei vantaggi del suo possesso senza sacrificare il nostro tempo.

Inoltre, avere una grande quantità di denaro non ci conferisce automaticamente il controllo sulla nostra vita, né ci rende persone migliori. È piuttosto la nostra abilità nel gestirlo che fa la vera differenza.

© Riproduzione riservata

Inizia la riflessione guidata
Cosa ne pensi?

Scrivimi qual è la tua opinione al riguardo e la tua esperienza personale.
Sarei felice di leggerla e di prendere ispirazione!

Vuoi ricevere le Pillole di Consapevolezza?

Ricevi ogni settimana un prezioso spunto per condurre una vita più consapevole, felice e ispirata. Gratis

* Potrai cambiare idea in qualsiasi momento.

Riflessione guidata

Prendi qualche minuto per riflettere e rispondere a queste domande. Potrebbero darti una consapevolezza nuova su te stesso e sulla tua vita.

  • 1. Qual è la motivazione principale dietro le mie spese: soddisfare bisogni reali o cercare gratificazione immediata?
    Sento che le mie spese riflettono i miei valori e le mie priorità nella vita.
    Talvolta mi lascio trasportare dalla tentazione di gratificazioni immediate, ma cerco attivamente di bilanciare il desiderio di soddisfazione immediata con il rispetto dei miei bisogni reali.
    Le mie spese sono principalmente guidate da impulsi e desideri momentanei, spesso a discapito dei miei bisogni reali.
    Cerco di pianificare attentamente le mie spese, bilanciando la gratificazione immediata con la responsabilità finanziaria a lungo termine.
  • 2. Sono consapevole dei miei obiettivi finanziari a breve e lungo termine e sto facendo progressi per raggiungerli?
    Sì, ho obiettivi finanziari chiari e tangibili sia a breve che a lungo termine, e sto costantemente lavorando per realizzarli.
    Ho degli obiettivi, ma a volte mi sento sopraffatto dalla complessità del processo per raggiungerli.
    Non ho obiettivi finanziari definiti o non mi preoccupo di pensarci.
    Mi sto impegnando attivamente nel definire obiettivi finanziari realistici e sto facendo passi concreti per raggiungerli.
  • 3. Qual è il mio rapporto emotivo con il denaro? Mi causa ansia, stress o mi permette di vivere serenamente?
    Mi sento sereno e in controllo delle mie finanze, utilizzando il denaro come strumento per la realizzazione dei miei obiettivi e per garantire la sicurezza futura.
    Il denaro può occasionalmente generare ansia o stress, ma cerco di affrontare queste emozioni in modo costruttivo e gestire le mie finanze in modo responsabile.
    Sento spesso ansia o stress in relazione al denaro, e questo influisce negativamente sulla mia qualità di vita e sulle mie decisioni finanziarie.
    Il denaro mi causa sia piacere che preoccupazione, a seconda della situazione, ma cerco di mantenere un equilibrio emotivo.
  • 4. Mi sento in grado di dire di no a spese non necessarie e di pianificare in modo oculato i miei acquisti?
    Sì, sono in grado di dire no a spese superflue e pianifico con attenzione i miei acquisti per garantire che siano in linea con i miei obiettivi finanziari.
    Talvolta mi trovo in difficoltà nel resistere alle tentazioni di spesa, ma cerco costantemente di migliorare la mia capacità di pianificazione finanziaria.
    Trovo difficile dire di no a spese non necessarie e spesso mi lascio trasportare dall'impulso di acquistare.
    Sono consapevole della necessità di dire di no a spese non necessarie, ma trovo difficile pianificare i miei acquisti in anticipo.
Ti è piaciuto? Condividi
Foto di Andrea Mangano

Andrea Mangano

Lavoro nel mondo digitale.
Negli ultimi otto anni ho intrapreso numerose sfide personali e imprenditoriali. Ogni giorno mi impegno affinché la mia quotidianità sia il riflesso del mio desiderio e non una passiva routine. Miro ad essere sempre più padrone del mio tempo e consapevole delle mie scelte.

Sono l'autore di UNxCENTO.
Firma Andrea ManganoScopri chi sono e in cosa credo
52
Il rischio di non vivere
← Precedente
La piramide dei bisogni
54
Successivo →

Copyright © 2019 - 2024: È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti testuali e visuali di questo sito.