Pillole UNxCENTO

Accettare ciò che non puoi cambiareLa parabola delle due frecce del Buddha

Accettare la vita, Accogliere i cambiamenti, Dolore della perdita, Affrontare il dolore
Pillola N. 55|
Foto di Andrea Mangano
Autore
A. Mangano

Nel corso della vita, ci troviamo spesso intrappolati tra le aspettative del nostro cuore e i capricci del destino. Ci aggrappiamo ai sogni con fervore, credendo che la nostra determinazione possa domare il corso degli eventi. Eppure, talvolta, abbiamo di fronte circostanze che non possiamo controllare, che ci gettano degli abissi dell'incertezza e dello sconforto.

Quel recente passato si insinua negli angoli più profondi della nostra mente, nutrendo dubbi, risentimenti, rimpianti, in un vortice incessante di interrogativi senza risposta.

Ci troviamo di fronte a due possibili strade: reagire con forza, cercando disperatamente di raddrizzare le pieghe del destino, oppure lasciarci consumare dalla rassegnazione, rinunciando progressivamente a vivere.

Ma nessuna delle due opzioni ci offre una reale soluzione.

Nel respingere ciò che ci ha ferito - una perdita, un fallimento, un destino avverso - consumiamo noi stessi e la nostra esistenza.

In una parabola del Buddha, un uomo è colpito da due frecce:

  • La prima freccia é il dolore fisico che deriva dalla ferita. Essa rappresenta l'esperienza difficile in cui ci siamo imbattuti;

  • La seconda freccia rappresenta il dolore mentale, come l'angoscia, la tristezza o la rabbia, che sorge come reazione al dolore fisico. Questa sofferenza è generata dal divario tra ciò di cui eravamo convinti (o ciò che speravamo sarebbe stato) e la cruda realtà.

Mentre non possiamo sempre evitare il dolore fisico o le difficoltà esterne che possono accadere nella nostra vita, la nostra reazione emotiva a queste esperienze può essere gestita e trasformata attraverso la consapevolezza.

Per ridurre la sofferenza, è essenziale accettare che alcuni eventi sfuggono al nostro controllo.

Non possiamo sempre risolvere le situazioni difficili, né tornare indietro nel tempo per cambiarle. In certi casi, non c'è modo di rimediare.

Se c'è qualcosa che possiamo fare oggi per migliorare la situazione, allora agiamo senza indugi. Tuttavia, ci sono circostanze in cui la migliore scelta potrebbe essere quella di lasciare andare e accettare il corso della vita.

Spesso cerchiamo una spiegazione razionale per ciò che ci accade, ma la realtà è che molte volte non c'è una ragione evidente.

Piuttosto che affliggerci con domande prive di risposta, è più saggio accettare che la vita è fatta anche di imprevisti, e imparare a trovare noi stessi il significato quando non possiamo ottenerlo dagli altri.

Ogni evento, sia esso felice o doloroso, può essere un'opportunità di crescita e apprendimento, se solo scegliamo di vedere al di là delle apparenze.

Nessuno può riportarci indietro ciò che abbiamo perduto o rimediare alle illusioni infrante, ma accettare questa verità può riportare la pace nella nostra vita.

Quando abbracciamo questa consapevolezza, possiamo liberarci dal dolore che ci siamo inflitti. Solo così possiamo iniziare a camminare verso una nuova vita, diversa, ma altrettanto ricca e soddisfacente.

Accettare ciò che non possiamo cambiare non è rassegnazione, ma il primo passo verso il futuro. È un atto consapevole che ci permette di lasciar andare ciò che è perduto o non funziona, concentrandoci sulle opportunità che ci attendono. Ricorda, ogni fine è un nuovo inizio.

E se credi che accettare la vita sia da deboli, ti sbagli. È invece un segno di straordinaria forza interiore. Ci vuole coraggio nel confrontarsi con la realtà, nell'accogliere i propri limiti e riconoscere la propria condizione umana.

Solo accettando la vita così com'è possiamo trovare la pace interiore e liberarci dal peso del passato. Solo allora saremo veramente pronti a vivere nel presente e guardare al futuro con speranza e determinazione.

© Riproduzione riservata

Inizia la riflessione guidata
Cosa ne pensi?

Scrivimi qual è la tua opinione al riguardo e la tua esperienza personale.
Sarei felice di leggerla e di prendere ispirazione!

Vuoi ricevere le Pillole di Consapevolezza?

Ricevi ogni settimana un prezioso spunto per condurre una vita più consapevole, felice e ispirata. Gratis

* Potrai cambiare idea in qualsiasi momento.

Riflessione guidata

Prendi qualche minuto per riflettere e rispondere a queste domande. Potrebbero darti una consapevolezza nuova su te stesso e sulla tua vita.

  • 1. Come reagisco di solito quando le cose non vanno come previsto?
    Cerco di trovare soluzioni alternative e mi adatto rapidamente alla nuova situazione.
    Mi sento inizialmente frustrato, ma cerco di mantenere la calma e affrontare la situazione con razionalità.
    Sento un senso di panico o ansia e ho difficoltà a vedere una soluzione.
    Mi arrabbio facilmente e cerco qualcuno o qualcosa su cui scaricare la colpa.
  • 2. Riesco ad accettare ciò che di spiacevole e imprevisto accade nella mia vita?
    Sì, sono in grado di accettare gli eventi spiacevoli che accadono nella mia vita in maniera imprevista, affrontandoli con calma e cercando di trovare un senso o un'apprendimento anche nelle situazioni difficili.
    Mi sforzo di accettare gli eventi spiacevoli che si presentano improvvisamente nella mia vita, ma talvolta ho bisogno di tempo per elaborare le emozioni e trovare una prospettiva positiva.
    Trovo difficile accettare gli eventi spiacevoli nella mia vita e tendo a resistere emotivamente.
    No, ho molta difficoltà nell'accettare gli eventi spiacevoli e tendo a reagire con negatività e rabbia.
  • 3. Cosa faccio per gestire lo stress e l'incertezza quando le cose non vanno secondo i piani?
    Utilizzo tecniche di gestione dello stress come la meditazione o l'esercizio fisico per mantenere la calma.
    Cerco il supporto di amici o familiari per ottenere prospettive diverse e supporto emotivo.
    Trovo difficile gestire lo stress e posso finire per evitare o procrastinare il problema.
    Mi immergo in attività distrattive come il lavoro eccessivo o il consumo di cibo/alcol per evitare di affrontare la situazione.
  • 4. Riesco a trovare nuove opportunità e prospettive positive anche nelle situazioni più difficili?
    Sì, sono capace di individuare nuove opportunità e vedo aspetti positivi anche nelle circostanze più difficili.
    Mi sforzo di individuare opportunità e prospettive positive nelle situazioni difficili, anche se richiede uno sforzo consapevole.
    Talvolta trovo difficile trovare nuove opportunità in situazioni difficili, ma faccio del mio meglio per mantenere una mentalità aperta.
    No, trovo estremamente difficile individuare nuove possibilità e aspetti positivi nelle situazioni complesse e tendo a concentrarmi solo sugli aspetti negativi.
Ti è piaciuto? Condividi
Foto di Andrea Mangano

Andrea Mangano

Lavoro nel mondo digitale.
Negli ultimi otto anni ho intrapreso numerose sfide personali e imprenditoriali. Ogni giorno mi impegno affinché la mia quotidianità sia il riflesso del mio desiderio e non una passiva routine. Miro ad essere sempre più padrone del mio tempo e consapevole delle mie scelte.

Sono l'autore di UNxCENTO.
Firma Andrea ManganoScopri chi sono e in cosa credo
54
La piramide dei bisogni
← Precedente
Pensare in grande, agire in piccolo
56
Successivo →

Copyright © 2019 - 2024: È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti testuali e visuali di questo sito.