Come affrontare la perdita del lavoro per ripartire subito

Foto di Andrea Mangano
Autore
A. Mangano

Non importa se è colpa della tua prestazione sul lavoro o dell'ennesima crisi di mercato. Il fatto è che hai perso il lavoro e ti senti un po' come una mongolfiera senza vento, giusto? In questo momento stai riflettendo sulle scelte passate, chiedendoti se hai preso la strada giusta o se il problema è nel tuo manuale di istruzioni. Potrebbe persino balenarti l'idea di essere un disastro ambulante, non solo sul lavoro, ma nella vita in generale. Questo evento ha fatto a pezzi le tue certezze e sta scavando un buco nella tua autostima.

Nella giungla imprevedibile della vita, chi più chi meno, tutti finiamo per inciampare e ferirci. Gli imprevisti si presentano come una pioggia improvvisa in una giornata senza ombrello, e spesso sono fuori dal nostro controllo. Quindi, fermati un attimo, respira e tira fuori qualche lezione da questo casino. È il momento di rimetterti in piedi. La differenza la fa chi si rialza con stile! Sei pronto a superare la perdita del tuo lavoro e ripartire con determinazione verso nuove opportunità?

Hai perso il lavoro, non la tua identità

Affrontare la perdita del lavoro può essere un'esperienza estremamente difficile, soprattutto per coloro che la interpretano come un fallimento personale. É come fare un tuffo nell'ignoto e può farci sentire come se stessimo giocando a un gioco senza istruzioni chiare.

È fondamentale riacquisire la consapevolezza di chi si è veramente, riflettendo sulle proprie motivazioni e riscoprendo le proprie capacità. Questo è il momento ideale per esplorare e valorizzare il proprio potenziale; ognuno di noi ha qualcosa di speciale da offrire!

E se un'azienda non mi ritiene all’altezza? Tranquillo, non prendertela troppo sul personale. Non devi trovare scuse per giustificarti del tutto, ma nemmeno dare la colpa a te stesso senza pietà. A volte, l’esito di un colloquio può dipendere da molte variabili, un mix di circostanze, un po' di fortuna e dalla capacità di chi ti sta valutando di cogliere appieno il tuo potenziale. Le tue abilità possono aver influenzato il giudizio finale, quindi chiedere feedback costruttivi prima di dirsi addio è sempre una mossa saggia!

Prima di cimentarti nel prossimo colloquio, prenditi il tempo chi ti serve, valuta i consigli che ti sono stati dati e rifletti su dove vuoi andare veramente.

Quanto alla fiducia in te stesso, è come quel superpotere che hai sempre posseduto e che ora è il momento di tirare fuori. Ricorda, anche in mezzo a questo caos, hai ancora il potere di fare la differenza. Hai perso il lavoro, non la tua identità e il tuo spirito. La resilienza e la fiducia in te stesso sono le chiavi per aprire la porta a nuove opportunità, ma fai attenzione a non esagerare. Sii sicuro, dimostra la tua competenza, ma lascia l'arroganza a casa. Nessuno gradisce assumere una persona prepotente, per quanto brava possa essere. L'umiltà è sempre un punto a favore.

Riprogetta il tuo futuro

È assolutamente normale piantarti lì a riflettere su quello che avevi fino a un istante prima che quel lavoro diventasse un capitolo del passato. Il lavoro non è solo il mezzo per mettere il cibo sulla tavola, è anche la tua occupazione mentale, la tua routine, praticamente una tappa necessaria per costruire la tua vita. Ma ora che quel pezzo è caduto, ti ritrovi con una serie di vuoti nella tua giornata e nella tua testa. Incertezze sul futuro, dubbi su te stesso, sensi di colpa, un pizzico di impotenza, e l'intera gamma di emozioni negative: paura, autocommiserazione e anche un po' di rabbia.

Il rischio numero uno qui è lasciarti distruggere da questo tsunami di emozioni. Ora hai più tempo libero per pensare, ed è fondamentale farlo nel modo giusto. Non rimuginare su cosa sarebbe potuto accadere se avessi fatto una scelta diversa. È già passato, amico. Nessuno può riavvolgere il nastro, nemmeno tu.

È il momento di concentrarti sul futuro, su ciò che davvero vuoi. E non aspettare oltre. Pensa al tuo passato lavoro da un'angolazione diversa. Hai perso il lavoro, e capisco che non è una passeggiata, ma tu non sei né il primo né l'ultimo a passare attraverso questo tunnel. Il cambiamento è come l'IVA nella vita, è sempre lì a tassarci. Ricominciare è necessario perché, guarda un po', nulla dura per sempre.

Hai perso qualcosa, ok, ma hai anche ricevuto un regalo: una nuova chance nella vita. Sì, davanti a te c'è un bicchiere, ed è pezzo pieno. Magari il lavoro che facevi non ti faceva saltare di gioia, o peggio, ti stava letteralmente sfinendo. Adesso è il momento di rivalutare le tue abilità, le tue passioni e decidere come vuoi davvero vivere. Ridisegna il tuo futuro, amico. Nuove motivazioni ti daranno uno nuovo slancio, energia, sicurezza e quel briciolo di coraggio che ti serve.

Controlla il tuo benessere fisico

In buona parte, il benessere della tua mente è il riflesso del tua condizione fisica. Ancor più se stai vivendo un momento particolarmente stressante. La perdita del lavoro va a incidere sul tuo benessere con pesanti ripercussioni sulla tua salute.

Quando perdi il lavoro, spesso ti ritrovi con il tempo che sembra muoversi più lentamente di un bradipo in letargo. La tua mente, prima impegnata con la routine lavorativa, ora si trova in una sorta di limbo. Il rischio è che ti lasci trasportare dalla pigrizia e dalla depressione, come se fossi in un loop senza fine.

Ah, e la cura di te stesso? Quella che facevi prima, quando il lavoro era ancora in piedi. Beh, sembra quasi che tu l'abbia messa da parte. La perdita del lavoro può influenzare il modo in cui ti percepisci e come gli altri ti vedono. Potresti sentirsi un po' inadeguato, forse vuoi persino evitare gli altri perché temi di non essere capito o di essere giudicato. Ma è ora di smetterla con questo circolo vizioso.

La capacità di reagire mentalmente alla tua condizione richiede anche di ritrovare forma e forza fisica. Non lasciare che gli eventi e i pensieri negativi plasmino il tuo futuro. Alzati dal divano e mettiti in movimento. Una passeggiata, una corsa, tutto quello che può far sudare la maglietta. Allenare la tua resistenza fisica contribuirà anche ad allenare la tua forza mentale. E per quanto riguarda il cibo, mettiti in testa di mangiare in modo sano.

Quando il tuo corpo è in forma, la tua mente può fare il suo lavoro in modo più efficiente. Una volta scaricato gran parte dello stress accumulato, le tue idee saranno più chiare di un cielo sereno.

Tolto via gran parte di quel peso, puoi riprendere la tua ricerca di un nuovo lavoro. Ma fallo con un'energia rinnovata e un atteggiamento da guerriero. Chi ti assumerà non vedrà solo le tue competenze, ma anche la tua mentalità positiva. Fatti notare tra la folla di chi si lamenta, e vedrai che il mondo sarà più incline a darti una mano!

Mantieni un atteggiamento positivo e consapevole

Parliamoci chiaro: il successo nella vita non dipende solo dalle carte che ti sono state date, ma da come le giochi. A volte ti toccano carte scadenti, ma la magia accade quando le trasformi nel miglior modo possibile.

Affrontare la perdita del lavoro richiede un mix di resilienza e strategia. Prima di tutto, evita di metterti a elemosinare pietà. Non solo è poco dignitoso, ma è anche una mossa che può strapparti un bel po' di pezzi di autostima già messa alla prova.

Piuttosto, cerca di raccogliere tutte le energie che ti circondano, anche quelle che pensi di non avere. Non rimanere isolato, alza gli occhi dal pavimento e guarda fuori dalla finestra. Cerca la compagnia di amici che ti danno una ventata di positività, anziché annegare nei lamenti e nelle commiserazioni. Gli amici veri sono come il caffè forte del mattino: ti svegliano e ti caricano di energia.

Ora, c'è sempre una ragione per cui le cose accadono, anche se sembra che il destino stia giocando a nascondino. Accetta la perdita del lavoro come se fosse una di quelle carte "imprevisti" nel gioco del Monopoli. Ogni tanto, finisci su una casella che non ti aspettavi, e devi affrontare qualche evento non proprio piacevole. Prendila con filosofia. Se ci credi, ciò che hai perso oggi potrebbe tornare a galla in modi sorprendenti.

Ti dò un’anticipazione del prossimo episodio: troverai un nuovo lavoro. Sai perché? Perché sei stato tenace e positivo, hai continuato a credere in te stesso nonostante le sfide. Quindi, tieni alta la testa e continua a giocare le tue carte nel modo migliore possibile. La tua prossima vittoria è già in arrivo!

Ricerca il tuo nuovo lavoro senza perdere tempo

Ehi, hai ritrovato quella carica e la determinazione? Ottimo! Ora è il momento di rimettersi in pista e cercare quel nuovo lavoro che ti farà brillare.

Se senti di aver bisogno di un piccolo aiutino, perché non sfruttare la tua rete di contatti? Più gente sa che stai cercando lavoro, più probabilità hai di pescare l'offerta giusta. Non esitare a chiedere aiuto anche a chi può presentarti alla loro azienda o in quelle che conoscono.

E ricorda, non puntare solo a ricostruire la stessa vecchia strada. Questo è il momento perfetto per esplorare nuovi orizzonti lavorativi. Forse c'è quel ruolo che hai sempre desiderato, o magari potresti valutare anche posizioni leggermente diverse che sfruttano comunque le tue competenze.

Ah, ma niente ricerche compulsive! Sparare centinaia di email ovunque può solo complicarti la vita. Sarai sommerso dalle risposte e finirai per stressarti più del dovuto. Concentrati su posizioni e aziende che realmente ti interessano. E per favore, fatti spazio nella giornata anche per cose piacevoli. Una mente serena fa le scelte giuste e affronta meglio i colloqui.

Ricorda, la tua ricerca del nuovo lavoro è ora il tuo "lavoro". Non aspettare troppo, perché ogni giorno perso è un giorno in meno verso il tuo prossimo successo. Forza, si parte!

© Riproduzione riservata

Ti è piaciuto? Condividi
Ricevi le mie Pillole di Consapevolezza

Ricevi ogni settimana un prezioso spunto per condurre una vita più consapevole, felice e ispirata. Gratis

Ogni "Pillola" è accompagnata da una riflessione guidata, pensata per aiutarti a sviluppare una maggiore consapevolezza sulla tua vita e su te stesso.

* Potrai cambiare idea in qualsiasi momento.

Foto di Andrea Mangano

Andrea Mangano

Lavoro nel mondo digitale.
Negli ultimi otto anni ho intrapreso numerose sfide personali e imprenditoriali. Ogni giorno mi impegno affinché la mia quotidianità sia il riflesso del mio desiderio e non una passiva routine. Miro ad essere sempre più padrone del mio tempo e consapevole delle mie scelte.

Sono l'autore di UNxCENTO.
Firma Andrea ManganoScopri chi sono e in cosa credo

Copyright © 2019 - 2024: È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti testuali e visuali di questo sito.